Il «De anima et eius origine» è un'opera in quattro libri, composta tra il 419 e il 420. In risposta alle critiche di un giovane cattolico ex rogatista di nome Vincenzo Vittore, Agostino (354-430) espone le proprie convinzioni mature intorno all'anima umana. Coniugando sapientemente argomentazione razionale ed esegesi scritturistica, il vescovo di Ippona da una lato rivendica la propria certezza sulla natura incorporea dell'anima creata da Dio, dall'altro sottolinea come sia necessario sospendere prudentemente il giudizio sulla questione della sua origine, secondaria ai fini della salvezza.

Agostino di Ippona, L'anima e la sua origine. Introduzione, note e commento a cura di Enrico Moro. Testo latino a fronte a cura di Giovanni Catapano

Giovanni Catapano;Enrico Moro
2022

Abstract

Il «De anima et eius origine» è un'opera in quattro libri, composta tra il 419 e il 420. In risposta alle critiche di un giovane cattolico ex rogatista di nome Vincenzo Vittore, Agostino (354-430) espone le proprie convinzioni mature intorno all'anima umana. Coniugando sapientemente argomentazione razionale ed esegesi scritturistica, il vescovo di Ippona da una lato rivendica la propria certezza sulla natura incorporea dell'anima creata da Dio, dall'altro sottolinea come sia necessario sospendere prudentemente il giudizio sulla questione della sua origine, secondaria ai fini della salvezza.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11577/3417253
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact