The fundamental hypothesis of the research was the belief that the theory of games, with the fundamental concept of Nash equilibrium, could provide: • a well thought out hypotheses to explain the crisis of the financial system in 2007-2008, • the equilibrium points possible in the competition among banks as businesses. • Subsequent analyzes allowed me to observe that, in reality, the awareness that the banks are strategic subjects is still very limited. • So, game theory, as construction of strategic models, gained further centrality and originality. • To give substance to the research, I placed at the center of my attention the cooperative banks. • Game theory proved to be valuable and innovative in the field of management banking and the Nash equilibria showed that you can, among other things: • interpret the crisis of 2007-2008; • propose a complete system of strategies based on the volumes and prices of credits, with the relative equilibrium points, both in concentrated markets than in not concentrated markets; • identify some of the critical behaviors of the banks; • interpret the governance model of the regional federations of cooperative credit; • propose a model of research for new markets; • propose the essential features of a possible reform of the banking system.

L’ipotesi fondante della ricerca è stata la convinzione che la teoria dei giochi, con il concetto di equilibrio di Nash, poteva fornire: • un’argomentata ipotesi di spiegazione della crisi del sistema finanziario del 2007-2008, • i punti di equilibrio possibili nella competizione tra banche in quanto imprese. • Le analisi successive mi hanno permesso di osservare che, in realtà, è ancora molto limitata la consapevolezza che le banche sono soggetti strategici. • La teoria dei giochi, in quanto costruzione di modelli strategici, ha quindi acquistato ulteriore centralità e originalità. • Per dare concretezza alla ricerca, ho posto al centro della mia attenzione le banche di credito cooperativo. • La teoria dei giochi si è quindi dimostrata preziosa ed innovativa nel campo del management bancario e gli equilibri di Nash hanno dimostrato, di poter, tra l’altro: • interpretare la crisi del 2007-2008; • proporre un compiuto sistema di strategie sui volumi e sui prezzi dei crediti, con i relativi punti di equilibrio, sia in mercati concentrati che in mercati non concentrati, • individuare le criticità di alcuni comportamenti strategici; • interpretare il modello di governance delle federazioni regionali del credito cooperativo; • proporre un modello di ricerca di nuovi mercati; • proporre i tratti essenziali di una possibile riforma del sistema bancario.

Strategie ed equilibri nel mercato bancario: il caso delle Banche di Credito Cooperativo / Bastianon, Eugenio. - (2013 Nov 02).

Strategie ed equilibri nel mercato bancario: il caso delle Banche di Credito Cooperativo

Bastianon, Eugenio
2013-11-02

Abstract

The fundamental hypothesis of the research was the belief that the theory of games, with the fundamental concept of Nash equilibrium, could provide: • a well thought out hypotheses to explain the crisis of the financial system in 2007-2008, • the equilibrium points possible in the competition among banks as businesses. • Subsequent analyzes allowed me to observe that, in reality, the awareness that the banks are strategic subjects is still very limited. • So, game theory, as construction of strategic models, gained further centrality and originality. • To give substance to the research, I placed at the center of my attention the cooperative banks. • Game theory proved to be valuable and innovative in the field of management banking and the Nash equilibria showed that you can, among other things: • interpret the crisis of 2007-2008; • propose a complete system of strategies based on the volumes and prices of credits, with the relative equilibrium points, both in concentrated markets than in not concentrated markets; • identify some of the critical behaviors of the banks; • interpret the governance model of the regional federations of cooperative credit; • propose a model of research for new markets; • propose the essential features of a possible reform of the banking system.
L’ipotesi fondante della ricerca è stata la convinzione che la teoria dei giochi, con il concetto di equilibrio di Nash, poteva fornire: • un’argomentata ipotesi di spiegazione della crisi del sistema finanziario del 2007-2008, • i punti di equilibrio possibili nella competizione tra banche in quanto imprese. • Le analisi successive mi hanno permesso di osservare che, in realtà, è ancora molto limitata la consapevolezza che le banche sono soggetti strategici. • La teoria dei giochi, in quanto costruzione di modelli strategici, ha quindi acquistato ulteriore centralità e originalità. • Per dare concretezza alla ricerca, ho posto al centro della mia attenzione le banche di credito cooperativo. • La teoria dei giochi si è quindi dimostrata preziosa ed innovativa nel campo del management bancario e gli equilibri di Nash hanno dimostrato, di poter, tra l’altro: • interpretare la crisi del 2007-2008; • proporre un compiuto sistema di strategie sui volumi e sui prezzi dei crediti, con i relativi punti di equilibrio, sia in mercati concentrati che in mercati non concentrati, • individuare le criticità di alcuni comportamenti strategici; • interpretare il modello di governance delle federazioni regionali del credito cooperativo; • proporre un modello di ricerca di nuovi mercati; • proporre i tratti essenziali di una possibile riforma del sistema bancario.
Banche / Banking
Strategie ed equilibri nel mercato bancario: il caso delle Banche di Credito Cooperativo / Bastianon, Eugenio. - (2013 Nov 02).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Bastianon_Eugenio_tesi.pdf

non disponibili

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Non specificato
Dimensione 1.88 MB
Formato Adobe PDF
1.88 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11577/3423465
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact