This thesis reports the results obtained during a three years research performed during my Ph.D. course, as a part of an interdisciplinary project. This project, started in 2006 in cooperation with Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto and Dipartimento dei Beni Culturali dell'Università di Padova, has been aimed at the completion of the anthropological study regarding the skeletal evidences found in the necropolis of Olmo di Nogara (Verona). The graveyard, excavated during the 80’s by Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto and dated between Middle and Recent Bronze Age, is one of the most relevant protohistoric necropolis in Italy and Europe. Its great importance is in the first place related to the presence of grave goods that suggest in a very explicit way the various characteristics (age, sex and rank) of the buried individuals; secondly, but of no less importance, the skeletal remains, which belong both to adult and subadults subjects, are in remarkable state of conservation and anatomic completeness. The necropolis, characterized by two different burial rituals, counts over 500 burials - 471 inhumations and 62 cremations - and, thanks to the above mentioned very good state of conservation, it has been possible to conduct a complete osteological and chemical analysis on over 89% of the sample. Within the research: 1) a reconstruction of the biological profile of each individuals has been performed, regarding their sex, age of death, height and strength, and focusing on determining their occupations and health conditions; 2) each existing lesion of traumatic origin - by means of accidental events or interpersonal violence - has been analyzed, using, where possible, TAC and laser scanners; 3) the paleodemographic profile of all the subjects has been carried out; 4) data coming from antropological, paleonutritional and paleodemographic studies have been integrated with archeological data, in order to outline the characteristics of Olmo di Nogara community for what concerns its social aspects.

La presente tesi di dottorato si inserisce in un progetto interdisciplinare - avviato nel 2006 in collaborazione tra la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto e il Dipartimento dei Beni Culturali dell'Università di Padova – che ha previsto il riesame antropologico completo del materiale scheletrico della necropoli di Olmo di Nogara (Verona). Si tratta di uno dei sepolcreti più importanti dell’intera protostoria italiana ed europea. La rilevanza della necropoli, scavata a partire dalla fine anni ‘80 del ‘900 dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto e databile tra il BM(1/)2 e BR2, è legata sia alla presenza di codici funerari che manifestano in maniera esplicita le distinzioni di età, sesso e rango/ruolo dei defunti, sia, soprattutto, all’eccellente stato di conservazione e alla completezza anatomica dei resti scheletrici umani, appartenenti a soggetti sia adulti sia infantili. La necropoli, a rito misto, consta di oltre 500 sepolture - 471 inumazioni e 62 incinerazioni - e le già citate ottime condizioni di conservazione hanno consentito una studio osteologico completo e analisi chimiche su oltre l’89% del campione. La ricerca ha previsto: 1) la ricostruzione del profilo biologico (sesso, età alla morte, statura e robustezza), di ciascun individuo, con indagini mirate alla ricostruzione dello stato di salute e delle attività occupazionali 2) l'analisi di eventuali lesioni di origine traumatica - accidentali, e/o esito di violenza interpersonale - anche mediante l’uso di metodologie di rilevamento TAC e laser scanner 3) la ricostruzione del profilo paleodemografico 4) infine, l'integrazione tra dati antropologici, paleonutrizionali e paleodemografici e dati archeologici, in funzione della lettura sociale del complesso.

La necropoli di Olmo di Nogara (Verona). Studio paleobiologico dei resti umani per la ricostruzione dell'organizzazione di una comunità dell'Età del bronzo padana / Pulcini, Maria Letizia. - (2014 Jan 30).

La necropoli di Olmo di Nogara (Verona). Studio paleobiologico dei resti umani per la ricostruzione dell'organizzazione di una comunità dell'Età del bronzo padana.

Pulcini, Maria Letizia
2014

Abstract

This thesis reports the results obtained during a three years research performed during my Ph.D. course, as a part of an interdisciplinary project. This project, started in 2006 in cooperation with Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto and Dipartimento dei Beni Culturali dell'Università di Padova, has been aimed at the completion of the anthropological study regarding the skeletal evidences found in the necropolis of Olmo di Nogara (Verona). The graveyard, excavated during the 80’s by Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto and dated between Middle and Recent Bronze Age, is one of the most relevant protohistoric necropolis in Italy and Europe. Its great importance is in the first place related to the presence of grave goods that suggest in a very explicit way the various characteristics (age, sex and rank) of the buried individuals; secondly, but of no less importance, the skeletal remains, which belong both to adult and subadults subjects, are in remarkable state of conservation and anatomic completeness. The necropolis, characterized by two different burial rituals, counts over 500 burials - 471 inhumations and 62 cremations - and, thanks to the above mentioned very good state of conservation, it has been possible to conduct a complete osteological and chemical analysis on over 89% of the sample. Within the research: 1) a reconstruction of the biological profile of each individuals has been performed, regarding their sex, age of death, height and strength, and focusing on determining their occupations and health conditions; 2) each existing lesion of traumatic origin - by means of accidental events or interpersonal violence - has been analyzed, using, where possible, TAC and laser scanners; 3) the paleodemographic profile of all the subjects has been carried out; 4) data coming from antropological, paleonutritional and paleodemographic studies have been integrated with archeological data, in order to outline the characteristics of Olmo di Nogara community for what concerns its social aspects.
La presente tesi di dottorato si inserisce in un progetto interdisciplinare - avviato nel 2006 in collaborazione tra la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto e il Dipartimento dei Beni Culturali dell'Università di Padova – che ha previsto il riesame antropologico completo del materiale scheletrico della necropoli di Olmo di Nogara (Verona). Si tratta di uno dei sepolcreti più importanti dell’intera protostoria italiana ed europea. La rilevanza della necropoli, scavata a partire dalla fine anni ‘80 del ‘900 dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto e databile tra il BM(1/)2 e BR2, è legata sia alla presenza di codici funerari che manifestano in maniera esplicita le distinzioni di età, sesso e rango/ruolo dei defunti, sia, soprattutto, all’eccellente stato di conservazione e alla completezza anatomica dei resti scheletrici umani, appartenenti a soggetti sia adulti sia infantili. La necropoli, a rito misto, consta di oltre 500 sepolture - 471 inumazioni e 62 incinerazioni - e le già citate ottime condizioni di conservazione hanno consentito una studio osteologico completo e analisi chimiche su oltre l’89% del campione. La ricerca ha previsto: 1) la ricostruzione del profilo biologico (sesso, età alla morte, statura e robustezza), di ciascun individuo, con indagini mirate alla ricostruzione dello stato di salute e delle attività occupazionali 2) l'analisi di eventuali lesioni di origine traumatica - accidentali, e/o esito di violenza interpersonale - anche mediante l’uso di metodologie di rilevamento TAC e laser scanner 3) la ricostruzione del profilo paleodemografico 4) infine, l'integrazione tra dati antropologici, paleonutrizionali e paleodemografici e dati archeologici, in funzione della lettura sociale del complesso.
paleobiologia, età del bronzo, antropologia fisica, archeologia.
La necropoli di Olmo di Nogara (Verona). Studio paleobiologico dei resti umani per la ricostruzione dell'organizzazione di una comunità dell'Età del bronzo padana / Pulcini, Maria Letizia. - (2014 Jan 30).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
marialetizia_pulcini_tesi.pdf

accesso aperto

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Non specificato
Dimensione 18.9 MB
Formato Adobe PDF
18.9 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/3423764
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact