Introduction: Psoriatic arthritis (PsA) is a chronic inflammatory arthropathy associated with skin and/or nail psoriasis. Several studies have shown a high prevalence of metabolic syndrome (MetS) in PsA patients. Aim: The aim of this study was to evaluate the influence of MetS on the achievement of minimal disease activity (MDA) and its components in PsA patients in therapy with inhibitors of TNF-alpha with a follow-up period of 24 months. Patients and Methods: A cohort of PsA patients, classified on the basis of CASPAR criteria, was assessed at the University of Padova and at University Federico II of Naples. Inclusion criteria were both sexes, age > 18 years, starting therapy with anti-TNF-alpha, stable medical conditions and no rheumatic diseases other than PsA. Exclusion criteria were previous use of biologic therapy and concomitant use of steroids. Patients'€™ data were collected at baseline (T0), and after 12 months (T1) and 24 months (T2) of therapy. Assessment of metabolic and disease activity parameters was performed at each visit. The NCEP-ACT III criteria were used to identify subjects with MetS and the MDA criteria to evaluate the disease activity. Results: On the basis of the inclusion and exclusion criteria, 330 subjects were included in the study. One hundred and ninety-six patients (59.3 %) were classified as having MetS. After 24 months of treatment, 157 patients (47.8%) out of 330 achieved MDA. Among patients not achieving MDA, 134 (77.4 %) had MetS. Univariate analysis indicated that patients with metabolic syndrome were less likely to achieve MDA than patients without metabolic syndrome (OR 0.45, p < 0.001). This inverse association remained statistically significant in the multivariate regression model (OR 0.56, p < 0.001). Longer duration of PsA was associated with lower probability of achieving MDA both in univariate (OR 0.98, p = 0.027) and multivariate models (OR 0.98, p = 0.012), while BMI was significantly associate only in the univariate model (OR 1.30, p = 0.029). In addition, among MetS components, plasma glucose concentration (> 110 mg / dl) was associated with lower probability of achieving MDA both in univariate analysis (OR 0.48, p = 0.000) and multivariate (OR 0.59, p < 0.001). Instead, waist circumference (OR 0.979, p = 0.000), serum concentrations of HDL-C (OR 1.021, p = 0.000) and triglycerides (OR 0.993, p = 0.000) were significantly associated only in univariate analysis. The presence of metabolic syndrome was found to be associated with a lower probability of achieving MDA in the following domains: tender joint count (OR 0.63, p = 0.015), swollen joint count (OR 0.42, p <0.001), tender entheseal count (OR 0.73, p = 0.007), PASI (Psoriasis Area Severity Index) (OR 0:51, p <0.001) and HAQ (Health Assessment Questionnaire) (OR 0.66, p = 0.015). Conclusions: The results of this study indicate that metabolic syndrome is associated with a lower probability of achieving MDA in PsA patients in therapy with anti-TNF-alpha. Probably a major reason of this result is related to the increased secretion of adipokines. In subjects with metabolic syndrome, these factors contribute to the development of a pro-inflammatory state, increasing the synthesis and the release of pro-inflammatory cytokines, in particular interleukin-6 and TNF-alpha, whose role is well established in the pathogenesis of PsA.

Introduzione: L'€™artrite psoriasica (AP) sembra essere una condizione sistemica che coinvolge non solo le articolazioni e la cute, ma anche altri siti come occhio, intestino e vasi. Inoltre, numerosi studi hanno dimostrato l'elevata prevalenza della sindrome metabolica (SM) nei pazienti con AP. Scopo: Considerando il ruolo centrale del TNF-alpha sia nelle malattie infiammatorie che nei processi metabolici, abbiamo progettato questo studio con lo scopo di valutare l'influenza della SM sul raggiungimento della attività  minima di malattia (MDA) e delle sue componenti in pazienti con AP in terapia con inibitori del TNF-alpha con un periodo di follow-up di 24 mesi. Pazienti e Metodi: Una coorte di pazienti con AP, classificati in base ai criteri CASPAR, è stata valutata presso le Unità  di Reumatologia dell'Università  di Padova e dell'Università  Federico II di Napoli. I criteri di inclusione sono stati: entrambi i sessi, età  > 18 anni, primo inizio di terapia con anti-TNF-alpha, condizioni mediche stabili, assenza di malattie reumatiche diverse dall’AP. I criteri di esclusione sono stati: l'uso di una precedente terapia biologica e l'uso concomitante di steroidi. I dati dei pazienti sono stati raccolti al tempo di inizio della terapia (T0), dopo 12 mesi (T1) e 24 mesi (T2). La valutazione dei parametri metabolici e di malattia è stata eseguita ad ogni visita. I criteri NCEP-ACT III sono stati utilizzati per identificare i soggetti con sindrome metabolica ed i criteri MDA per valutare la attività minima della malattia. Risultati: Sulla base dei criteri di inclusione e di esclusione, 330 soggetti sono stati arruolati nello studio. I due gruppi di pazienti non mostravano differenze statisticamente significative per le variabili demografiche eccetto che per il BMI (p = 0.023), la conta di entesi dolenti (p = 0,002) e la conta delle articolazioni tumefatte (p < 0.001). Dopo 24 mesi di terapia, 157 pazienti (47.8%) su 330 raggiungevano la MDA. Tra i pazienti che non raggiungevano la MDA, 134 (77.4%) presentavano sindrome metabolica. L'analisi univariata ha indicato che i pazienti con sindrome metabolica avevano meno probabilità di raggiungere la MDA rispetto ai pazienti senza sindrome metabolica (OR 0.45, p < 0.001). Questa associazione inversa è rimasta statisticamente significativa nel modello di regressione multivariata (OR 0.56, p < 0.001). Una durata più lunga di AP risultava associata con una minore probabilità di raggiungere la MDA sia in univariata (OR 0.98, p = 0.027) che multivariata (OR 0.98, p = 0.012), mentre il BMI era significativamente associato solo nel modello di univariata (OR 1.30, p = 0.029). Inoltre tra le componenti della sindrome metabolica, quella maggiormente associata al non raggiungimento della sindrome metabolica risultava essere l'aumentata concentrazione di glucosio nel plasma (> 110 mg/dl) sia all’analisi univariata (OR 0.48, p = 0.000) che multivariata (OR 0.59, p < 0.001). Erano invece associate significativamente solo nel modello di univariata: la circonferenza addominale (OR 0.979, p = 0.000), le concentrazioni sieriche di colesterolo HDL-C (OR 1.021, p = 0.000) e di trigliceridi (OR 0.993, p = 0.000). La presenza della sindrome metabolica risultava essere associata con una minore probabilità di raggiungere la MDA per le seguenti componenti: conta delle articolazioni dolenti (OR 0.63, p = 0.015), conta delle articolazioni tumefatte (OR 0.42, p < 0.001), conta delle entesi dolenti (OR 0.73, p = 0.007), indice PASI (Psoriasis Area Severity Index) (OR 0.51, p < 0.001) e indice di disabilità HAQ (Health Assessment Questionnaire) (OR 0.66, p = 0.015). Conclusioni: I risultati di questo studio indicano che la presenza di sindrome metabolica è associata ad una minore probabilità di raggiungere la MDA nei pazienti con AP in terapia con inibitori del TNF-alpha. Probabilmente la ragione principale di questo risultato è correlata all’aumentata secrezione di adipochine che nei soggetti con sindrome metabolica contribuisce allo sviluppo di uno stato pro-infiammatorio, aumentando la sintesi e il rilascio di citochine pro-infiammatorie, in particolare l’interleuchina-6 e il TNF-alpha, il cui ruolo è ben consolidato nella patogenesi di AP.

Influenza della sindrome metabolica sul raggiungimento della " minimal disease activity" e delle sue componenti in pazienti con artrite psoriasica in terapia con inibitori del TNF-alpha / Costa, L. - (2016 Jan 22).

Influenza della sindrome metabolica sul raggiungimento della "€œminimal disease activity"€ e delle sue componenti in pazienti con artrite psoriasica in terapia con inibitori del TNF-alpha.

Costa, L
2016

Abstract

Introduction: Psoriatic arthritis (PsA) is a chronic inflammatory arthropathy associated with skin and/or nail psoriasis. Several studies have shown a high prevalence of metabolic syndrome (MetS) in PsA patients. Aim: The aim of this study was to evaluate the influence of MetS on the achievement of minimal disease activity (MDA) and its components in PsA patients in therapy with inhibitors of TNF-alpha with a follow-up period of 24 months. Patients and Methods: A cohort of PsA patients, classified on the basis of CASPAR criteria, was assessed at the University of Padova and at University Federico II of Naples. Inclusion criteria were both sexes, age > 18 years, starting therapy with anti-TNF-alpha, stable medical conditions and no rheumatic diseases other than PsA. Exclusion criteria were previous use of biologic therapy and concomitant use of steroids. Patients'€™ data were collected at baseline (T0), and after 12 months (T1) and 24 months (T2) of therapy. Assessment of metabolic and disease activity parameters was performed at each visit. The NCEP-ACT III criteria were used to identify subjects with MetS and the MDA criteria to evaluate the disease activity. Results: On the basis of the inclusion and exclusion criteria, 330 subjects were included in the study. One hundred and ninety-six patients (59.3 %) were classified as having MetS. After 24 months of treatment, 157 patients (47.8%) out of 330 achieved MDA. Among patients not achieving MDA, 134 (77.4 %) had MetS. Univariate analysis indicated that patients with metabolic syndrome were less likely to achieve MDA than patients without metabolic syndrome (OR 0.45, p < 0.001). This inverse association remained statistically significant in the multivariate regression model (OR 0.56, p < 0.001). Longer duration of PsA was associated with lower probability of achieving MDA both in univariate (OR 0.98, p = 0.027) and multivariate models (OR 0.98, p = 0.012), while BMI was significantly associate only in the univariate model (OR 1.30, p = 0.029). In addition, among MetS components, plasma glucose concentration (> 110 mg / dl) was associated with lower probability of achieving MDA both in univariate analysis (OR 0.48, p = 0.000) and multivariate (OR 0.59, p < 0.001). Instead, waist circumference (OR 0.979, p = 0.000), serum concentrations of HDL-C (OR 1.021, p = 0.000) and triglycerides (OR 0.993, p = 0.000) were significantly associated only in univariate analysis. The presence of metabolic syndrome was found to be associated with a lower probability of achieving MDA in the following domains: tender joint count (OR 0.63, p = 0.015), swollen joint count (OR 0.42, p <0.001), tender entheseal count (OR 0.73, p = 0.007), PASI (Psoriasis Area Severity Index) (OR 0:51, p <0.001) and HAQ (Health Assessment Questionnaire) (OR 0.66, p = 0.015). Conclusions: The results of this study indicate that metabolic syndrome is associated with a lower probability of achieving MDA in PsA patients in therapy with anti-TNF-alpha. Probably a major reason of this result is related to the increased secretion of adipokines. In subjects with metabolic syndrome, these factors contribute to the development of a pro-inflammatory state, increasing the synthesis and the release of pro-inflammatory cytokines, in particular interleukin-6 and TNF-alpha, whose role is well established in the pathogenesis of PsA.
Introduzione: L'€™artrite psoriasica (AP) sembra essere una condizione sistemica che coinvolge non solo le articolazioni e la cute, ma anche altri siti come occhio, intestino e vasi. Inoltre, numerosi studi hanno dimostrato l'elevata prevalenza della sindrome metabolica (SM) nei pazienti con AP. Scopo: Considerando il ruolo centrale del TNF-alpha sia nelle malattie infiammatorie che nei processi metabolici, abbiamo progettato questo studio con lo scopo di valutare l'influenza della SM sul raggiungimento della attività  minima di malattia (MDA) e delle sue componenti in pazienti con AP in terapia con inibitori del TNF-alpha con un periodo di follow-up di 24 mesi. Pazienti e Metodi: Una coorte di pazienti con AP, classificati in base ai criteri CASPAR, è stata valutata presso le Unità  di Reumatologia dell'Università  di Padova e dell'Università  Federico II di Napoli. I criteri di inclusione sono stati: entrambi i sessi, età  > 18 anni, primo inizio di terapia con anti-TNF-alpha, condizioni mediche stabili, assenza di malattie reumatiche diverse dall’AP. I criteri di esclusione sono stati: l'uso di una precedente terapia biologica e l'uso concomitante di steroidi. I dati dei pazienti sono stati raccolti al tempo di inizio della terapia (T0), dopo 12 mesi (T1) e 24 mesi (T2). La valutazione dei parametri metabolici e di malattia è stata eseguita ad ogni visita. I criteri NCEP-ACT III sono stati utilizzati per identificare i soggetti con sindrome metabolica ed i criteri MDA per valutare la attività minima della malattia. Risultati: Sulla base dei criteri di inclusione e di esclusione, 330 soggetti sono stati arruolati nello studio. I due gruppi di pazienti non mostravano differenze statisticamente significative per le variabili demografiche eccetto che per il BMI (p = 0.023), la conta di entesi dolenti (p = 0,002) e la conta delle articolazioni tumefatte (p < 0.001). Dopo 24 mesi di terapia, 157 pazienti (47.8%) su 330 raggiungevano la MDA. Tra i pazienti che non raggiungevano la MDA, 134 (77.4%) presentavano sindrome metabolica. L'analisi univariata ha indicato che i pazienti con sindrome metabolica avevano meno probabilità di raggiungere la MDA rispetto ai pazienti senza sindrome metabolica (OR 0.45, p < 0.001). Questa associazione inversa è rimasta statisticamente significativa nel modello di regressione multivariata (OR 0.56, p < 0.001). Una durata più lunga di AP risultava associata con una minore probabilità di raggiungere la MDA sia in univariata (OR 0.98, p = 0.027) che multivariata (OR 0.98, p = 0.012), mentre il BMI era significativamente associato solo nel modello di univariata (OR 1.30, p = 0.029). Inoltre tra le componenti della sindrome metabolica, quella maggiormente associata al non raggiungimento della sindrome metabolica risultava essere l'aumentata concentrazione di glucosio nel plasma (> 110 mg/dl) sia all’analisi univariata (OR 0.48, p = 0.000) che multivariata (OR 0.59, p < 0.001). Erano invece associate significativamente solo nel modello di univariata: la circonferenza addominale (OR 0.979, p = 0.000), le concentrazioni sieriche di colesterolo HDL-C (OR 1.021, p = 0.000) e di trigliceridi (OR 0.993, p = 0.000). La presenza della sindrome metabolica risultava essere associata con una minore probabilità di raggiungere la MDA per le seguenti componenti: conta delle articolazioni dolenti (OR 0.63, p = 0.015), conta delle articolazioni tumefatte (OR 0.42, p < 0.001), conta delle entesi dolenti (OR 0.73, p = 0.007), indice PASI (Psoriasis Area Severity Index) (OR 0.51, p < 0.001) e indice di disabilità HAQ (Health Assessment Questionnaire) (OR 0.66, p = 0.015). Conclusioni: I risultati di questo studio indicano che la presenza di sindrome metabolica è associata ad una minore probabilità di raggiungere la MDA nei pazienti con AP in terapia con inibitori del TNF-alpha. Probabilmente la ragione principale di questo risultato è correlata all’aumentata secrezione di adipochine che nei soggetti con sindrome metabolica contribuisce allo sviluppo di uno stato pro-infiammatorio, aumentando la sintesi e il rilascio di citochine pro-infiammatorie, in particolare l’interleuchina-6 e il TNF-alpha, il cui ruolo è ben consolidato nella patogenesi di AP.
Artrite psoriasica, sindrome metabolica, inibitori del TNF-alpha, attività minima di malattia / Psoriatic arthritis, metabolic syndrome, anti-TNF-alpha agents, minimal disease activity.
Influenza della sindrome metabolica sul raggiungimento della " minimal disease activity" e delle sue componenti in pazienti con artrite psoriasica in terapia con inibitori del TNF-alpha / Costa, L. - (2016 Jan 22).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
costa_luisa_tesi.pdf.pdf

accesso aperto

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Non specificato
Dimensione 587.7 kB
Formato Adobe PDF
587.7 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/3424329
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact