My work has investigated Testori’s early fiction, in search of an antropolocical-philosophical matrix belonging to a sacrifical-ritual sphere of classic-arcaic era, based (at least on its first steps) on the researches of scholars of the origins of sacred, such as Giuseppe Fornari. This component has been well emphasized in Testori’s fiction début, Il dio di Roserio, annotated chapter by chapter, while in the following cycle I segreti di Milano a tendentially gnostic component came to light, the same crossed, anyway, like the whole Testori’s work, by a strong sacrifical tension. In search of confirmation, we observed this phemonena present in other works of this period, like the two dramas Tentazione nel convento e L’Arialda. Moreover, a chapter has been dedicated to make clearer his peculiar artistic concept of what material is, and his stylistic application, present in this works. All this has been taken into consideration in its purpose of explaining contemporary times and their crisis focuses, perceived in advance by Testori.

Il mio lavoro ha indagato la narrativa del primo Testori alla ricerca di una matrice antropologico-filosofica risalente all’ambito sacrificale-rituale classico-arcaico, sulla scorta, almeno inizialmente, delle ricerche in merito di studiosi delle origini del sacro come Giuseppe Fornari. Tale componente è stata ben evidenziata per l’esordio narrativo di Testori, Il dio di Roserio, commentato sistematicamente capitolo per capitolo, mentre nei successivi Segreti di Milano si è evidenziata una componente tendenzialmente gnostica, sempre venata comunque, come tutta l’opera di Giovanni Testori, da una forte tensione sacrificale. Alla ricerca di ulteriori conferme di questo assunto critico, abbiamo osservato e confermato la presenza del fenomeno anche nelle opere cronologicamente circostanti questa fase narrativa, vale a dire i drammi Tentazione nel convento e L’Arialda. Inoltre, un capitolo è stato dedicato a puntualizzare la particolare (e centrale) concezione della materia, e la sua resa stilistica, presente in queste opere. Il tutto è stato preso in considerazione nel suo intento ermeneutico della contemporaneità e dei suoi punti di crisi, intuiti da Testori con anticipo sui tempi.

DA DIONISO ALLA GNOSI: SACRIFICIO E DIVINIZZAZIONE NELLA NARRATIVA DEL PRIMO TESTORI / Salviati, Giovanni. - (2017 Aug 03).

DA DIONISO ALLA GNOSI: SACRIFICIO E DIVINIZZAZIONE NELLA NARRATIVA DEL PRIMO TESTORI

Salviati, Giovanni
2017

Abstract

My work has investigated Testori’s early fiction, in search of an antropolocical-philosophical matrix belonging to a sacrifical-ritual sphere of classic-arcaic era, based (at least on its first steps) on the researches of scholars of the origins of sacred, such as Giuseppe Fornari. This component has been well emphasized in Testori’s fiction début, Il dio di Roserio, annotated chapter by chapter, while in the following cycle I segreti di Milano a tendentially gnostic component came to light, the same crossed, anyway, like the whole Testori’s work, by a strong sacrifical tension. In search of confirmation, we observed this phemonena present in other works of this period, like the two dramas Tentazione nel convento e L’Arialda. Moreover, a chapter has been dedicated to make clearer his peculiar artistic concept of what material is, and his stylistic application, present in this works. All this has been taken into consideration in its purpose of explaining contemporary times and their crisis focuses, perceived in advance by Testori.
Il mio lavoro ha indagato la narrativa del primo Testori alla ricerca di una matrice antropologico-filosofica risalente all’ambito sacrificale-rituale classico-arcaico, sulla scorta, almeno inizialmente, delle ricerche in merito di studiosi delle origini del sacro come Giuseppe Fornari. Tale componente è stata ben evidenziata per l’esordio narrativo di Testori, Il dio di Roserio, commentato sistematicamente capitolo per capitolo, mentre nei successivi Segreti di Milano si è evidenziata una componente tendenzialmente gnostica, sempre venata comunque, come tutta l’opera di Giovanni Testori, da una forte tensione sacrificale. Alla ricerca di ulteriori conferme di questo assunto critico, abbiamo osservato e confermato la presenza del fenomeno anche nelle opere cronologicamente circostanti questa fase narrativa, vale a dire i drammi Tentazione nel convento e L’Arialda. Inoltre, un capitolo è stato dedicato a puntualizzare la particolare (e centrale) concezione della materia, e la sua resa stilistica, presente in queste opere. Il tutto è stato preso in considerazione nel suo intento ermeneutico della contemporaneità e dei suoi punti di crisi, intuiti da Testori con anticipo sui tempi.
Testori Gnosi Gnosis Dioniso Dionysos
DA DIONISO ALLA GNOSI: SACRIFICIO E DIVINIZZAZIONE NELLA NARRATIVA DEL PRIMO TESTORI / Salviati, Giovanni. - (2017 Aug 03).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
tesicompletadottoratotestori150517-2.pdf

accesso aperto

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Non specificato
Dimensione 895.15 kB
Formato Adobe PDF
895.15 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/3424929
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact