The world energy consumption is increasing at an average rate of 2.1 % per year, spurred by the economic growth in most of Asian countries, Europe and Canada. The consequent depletion of fossil fuels reservoirs and the reinforced need of environmental sustainability are making the challenge of clean and renewable energy sources one of the most urgent challenges for humankind. Solar power is among the best candidates for the leading role in the energy revolution, being clean, infinite and well distributed over the planet. For this reason, photovoltaic technologies for electricity production are gaining increasing popularity. Although inorganic silicon solar cells dominate the market of photovoltaics, organic and hybrid materials attract considerable interest since their properties like flexibility, light-weight, transparency and low-cost could make the difference in the raising of solar electricity. So far, these materials could not yet outperform conventional silicon, stimulating intensive scientific research on both the development of new materials and the understanding of the photophysical mechanisms governing the photovoltaic behavior of organic/hybrid semiconductors. In this thesis, a series of new organic and hybrid photoactive materials is studied using Electron Paramagnetic Resonance spectroscopy (EPR). This technique, combined with photoexcitation, allows to unambiguously characterize the photoinduced processes involving the formation of paramagnetic states like radicals and triplet states. As shown in the thesis, EPR can also give useful information about molecular ordering in the materials, which is known to be intimately connected with charge transport properties. Conjugated polymers are known for their semiconducting properties and their blends with strong electron accepting fullerene derivatives are among the best performing organic photovoltaic systems. Donor-acceptor alternating copolymers have been introduced to enhance the light-harvesting properties of the blends. Compared to homopolymers, they usually display a lower crystallinity of the deposited films. Thus, XRD techniques are often not suitable to investigate their molecular ordering features. We apply EPR to the analysis of molecular orientational order in the films of two polymers representative of this class, showing that a consistent degree of preferential orientation occurs with two common deposition methods. Fullerene-free materials for polymer solar cells have been recently introduced and overcome some of the drawbacks of fullerene acceptors like the limited absorption and the poor bandgap tunability. In this framework, we study two blends of electron-donor and acceptor polymers to probe their properties with respect to the common fullerene/donor combination, showing that they avoid charge recombination to triplet states which is an active loss mechanism in fullerene-containing blends. Furthermore, the all-polymer films provide a high degree of orientational order and efficient interaction between the donor and acceptor phases that make them promising alternatives to polymer-fullerene blends. A reduced graphene oxide-triphenylamine covalently-linked nanohybrid is studied as potential photosensitizer for TiO2 in dye-sensitized solar cells, able to improve the conductivity and the stability of the system. EPR shows that efficient photoinduced electron transfer from the sensitizer to the semiconductor occurs, paving the way to this new class of photosensitizers. Finally, we investigate the photoactivity of a supramolecular soft-material, forming a gel, composed of small self-assembling donor and acceptor molecules. In this case, EPR allows to verify the efficiency of charge transport across the supramolecular structures, suggesting appealing semiconducting properties of the material. The results of this thesis show the relevance of EPR for unraveling functional and morphological properties of photovoltaic materials and provide a useful characterization of the photophysics of new systems that may be further explored to bring substantial progresses to the field of organic photovoltaics.

Il consumo mondiale di energia ha un tasso medio di crescita del 2.1 % all’anno, trainato dalla crescita economica di molti Paesi asiatici, dell’Europa e del Canada. Il conseguente depauperamento delle risorse di combustibili fossili e il più stringente bisogno di proteggere l’ambiente stanno facendo della sfida delle energie rinnovabili una delle più urgenti sfide che l’umanità deve affrontare. L’energia solare è tra i migliori candidati a svolgere il ruolo di punta nella rivoluzione energetica, essendo una fonte di energia pulita, infinita e ben distribuita nel pianeta. Per questo motivo le tecnologie fotovoltaiche per la produzione di energia elettrica stanno acquistando crescente popolarità. Sebbene le celle solari a base di Silicio dominino il mercato del fotovoltaico, materiali organici e ibridi sono fonte di crescente interesse grazie alle loro peculiari proprietà, come la flessibilità, la leggerezza e la trasparenza, il basso costo, che ci si aspetta possano fare la differenza nell’affermazione del fotovoltaico. Fino ad ora questi materiali non hanno superato il rendimento dei materiali convenzionali a base di Silicio, stimolando la ricerca scientifica verso lo sviluppo di nuovi materiali e lo studio dei meccanismi fotofisici che governano il comportamento fotovoltaico dei semiconduttori organici e ibridi. In questa tesi, una serie di nuovi materiali fotoattivi, organici e ibridi, è stata studiata utilizzando la spettroscopia di Risonanza Paramagnetica Elettronica (EPR). Tale tecnica, combinata con la fotoeccitazione, permette di caratterizzare i processi fotoindotti che portano alla formazione di stati paramagnetici come radicali e stati di tripletto. Come mostrato nella tesi, la tecnica EPR può essere anche utilizzata per ottenere informazioni circa l’ordine molecolare nei materiali, che è noto essere strettamente collegato alle loro proprietà di trasporto di carica. I polimeri coniugati sono noti per le loro proprietà di semiconduttori e le loro miscele con derivati fullereneci - forti electron-accettori - sono tra i sistemi fotovoltaici organici più efficienti. Copolimeri alternanti composti da unità elettron-accettrici e donatrici sono stati introdotti per aumentare l’efficienza di assorbimento dello spettro solare. Rispetto ai classici omopolimeri, questi mostrano solitamente una minore cristallinità dei film depositati. Pertanto, tecniche diffrattometriche si rivelano spesso inadeguate per caratterizzarne l’ordine molecolare. In questa tesi l’EPR viene utilizzato per analizzare l’ordine orientazionale in due polimeri rappresentativi di questa classe, mostrando che un grado consistente di orientazione preferenziale è presente nei film ottenuti con due diverse tecniche di deposizione. Materiali fullerene-free per le celle solari polimeriche sono stati recentemente introdotti per superare alcuni degli svantaggi degli accettori fullerenici, come il limitato assorbimento della luce solare e la difficoltà nel regolare il bandgap e le proprietà elettroniche. In questo conteso, abbiamo studiato due blend costituiti da polimeri elettron-accettori e donatori al fine di investigarne le proprietà e di compararle a quelle dei convenzionali blend di polimeri donatori con derivati fullerenici, dimostrando che essi eliminano la ricombinazione di cariche a formare stati di tripletto, meccanismo noto come fonte di perdita di efficienza nei materiali contenti fullereni. Inoltre, i film polimerici mostrano un elevato grado di ordine orientazionale e un’efficiente interazione tra le fasi di donatore e di accettore che li rendono promettenti alternative ai blend di polimero e fullerene. Un nanoibrido composto da grafene ossido ridotto e molecole di trifenilammina legati covalentemente, è stato studiato come potenziale colorante per la titania in celle solari sensibilizzate a colorante, capace di migliorare la conducibilità e la stabilità del sistema. L’EPR ha mostrato che un efficiente trasferimento elettronico fotoindotto avviene tra l’ibrido e il semiconduttore, aprendo la strada all’applicazione di una nuova classe di coloranti. Infine, la fotoattività di un materiale supramolecolare, un gel composto da piccole molecole di donatore e accettore che autoassemblano, è stata studiata. In questo caso l’EPR ha permesso di verificare un efficiente trasporto di carica attraverso le strutture supramolecolari, suggerendo interessanti proprietà semiconduttive del materiale. I risultati di questa tesi dimostrano la rilevanza dell’EPR per l’indagine su aspetti funzionali e morfologici di materiali fotovoltaici e forniscono una caratterizzazione della fotofisica di nuovi sistemi che potrebbero essere ulteriormente esplorati per apportare progressi sostanziali nel campo del fotovoltaico organico e ibrido.

Photophysical processes and molecular ordering in organic materials for third generation photovoltaics studied by EPR spectroscopy / Guarracino, Paola. - (2018 Nov 30).

Photophysical processes and molecular ordering in organic materials for third generation photovoltaics studied by EPR spectroscopy

Guarracino, Paola
2018

Abstract

The world energy consumption is increasing at an average rate of 2.1 % per year, spurred by the economic growth in most of Asian countries, Europe and Canada. The consequent depletion of fossil fuels reservoirs and the reinforced need of environmental sustainability are making the challenge of clean and renewable energy sources one of the most urgent challenges for humankind. Solar power is among the best candidates for the leading role in the energy revolution, being clean, infinite and well distributed over the planet. For this reason, photovoltaic technologies for electricity production are gaining increasing popularity. Although inorganic silicon solar cells dominate the market of photovoltaics, organic and hybrid materials attract considerable interest since their properties like flexibility, light-weight, transparency and low-cost could make the difference in the raising of solar electricity. So far, these materials could not yet outperform conventional silicon, stimulating intensive scientific research on both the development of new materials and the understanding of the photophysical mechanisms governing the photovoltaic behavior of organic/hybrid semiconductors. In this thesis, a series of new organic and hybrid photoactive materials is studied using Electron Paramagnetic Resonance spectroscopy (EPR). This technique, combined with photoexcitation, allows to unambiguously characterize the photoinduced processes involving the formation of paramagnetic states like radicals and triplet states. As shown in the thesis, EPR can also give useful information about molecular ordering in the materials, which is known to be intimately connected with charge transport properties. Conjugated polymers are known for their semiconducting properties and their blends with strong electron accepting fullerene derivatives are among the best performing organic photovoltaic systems. Donor-acceptor alternating copolymers have been introduced to enhance the light-harvesting properties of the blends. Compared to homopolymers, they usually display a lower crystallinity of the deposited films. Thus, XRD techniques are often not suitable to investigate their molecular ordering features. We apply EPR to the analysis of molecular orientational order in the films of two polymers representative of this class, showing that a consistent degree of preferential orientation occurs with two common deposition methods. Fullerene-free materials for polymer solar cells have been recently introduced and overcome some of the drawbacks of fullerene acceptors like the limited absorption and the poor bandgap tunability. In this framework, we study two blends of electron-donor and acceptor polymers to probe their properties with respect to the common fullerene/donor combination, showing that they avoid charge recombination to triplet states which is an active loss mechanism in fullerene-containing blends. Furthermore, the all-polymer films provide a high degree of orientational order and efficient interaction between the donor and acceptor phases that make them promising alternatives to polymer-fullerene blends. A reduced graphene oxide-triphenylamine covalently-linked nanohybrid is studied as potential photosensitizer for TiO2 in dye-sensitized solar cells, able to improve the conductivity and the stability of the system. EPR shows that efficient photoinduced electron transfer from the sensitizer to the semiconductor occurs, paving the way to this new class of photosensitizers. Finally, we investigate the photoactivity of a supramolecular soft-material, forming a gel, composed of small self-assembling donor and acceptor molecules. In this case, EPR allows to verify the efficiency of charge transport across the supramolecular structures, suggesting appealing semiconducting properties of the material. The results of this thesis show the relevance of EPR for unraveling functional and morphological properties of photovoltaic materials and provide a useful characterization of the photophysics of new systems that may be further explored to bring substantial progresses to the field of organic photovoltaics.
Il consumo mondiale di energia ha un tasso medio di crescita del 2.1 % all’anno, trainato dalla crescita economica di molti Paesi asiatici, dell’Europa e del Canada. Il conseguente depauperamento delle risorse di combustibili fossili e il più stringente bisogno di proteggere l’ambiente stanno facendo della sfida delle energie rinnovabili una delle più urgenti sfide che l’umanità deve affrontare. L’energia solare è tra i migliori candidati a svolgere il ruolo di punta nella rivoluzione energetica, essendo una fonte di energia pulita, infinita e ben distribuita nel pianeta. Per questo motivo le tecnologie fotovoltaiche per la produzione di energia elettrica stanno acquistando crescente popolarità. Sebbene le celle solari a base di Silicio dominino il mercato del fotovoltaico, materiali organici e ibridi sono fonte di crescente interesse grazie alle loro peculiari proprietà, come la flessibilità, la leggerezza e la trasparenza, il basso costo, che ci si aspetta possano fare la differenza nell’affermazione del fotovoltaico. Fino ad ora questi materiali non hanno superato il rendimento dei materiali convenzionali a base di Silicio, stimolando la ricerca scientifica verso lo sviluppo di nuovi materiali e lo studio dei meccanismi fotofisici che governano il comportamento fotovoltaico dei semiconduttori organici e ibridi. In questa tesi, una serie di nuovi materiali fotoattivi, organici e ibridi, è stata studiata utilizzando la spettroscopia di Risonanza Paramagnetica Elettronica (EPR). Tale tecnica, combinata con la fotoeccitazione, permette di caratterizzare i processi fotoindotti che portano alla formazione di stati paramagnetici come radicali e stati di tripletto. Come mostrato nella tesi, la tecnica EPR può essere anche utilizzata per ottenere informazioni circa l’ordine molecolare nei materiali, che è noto essere strettamente collegato alle loro proprietà di trasporto di carica. I polimeri coniugati sono noti per le loro proprietà di semiconduttori e le loro miscele con derivati fullereneci - forti electron-accettori - sono tra i sistemi fotovoltaici organici più efficienti. Copolimeri alternanti composti da unità elettron-accettrici e donatrici sono stati introdotti per aumentare l’efficienza di assorbimento dello spettro solare. Rispetto ai classici omopolimeri, questi mostrano solitamente una minore cristallinità dei film depositati. Pertanto, tecniche diffrattometriche si rivelano spesso inadeguate per caratterizzarne l’ordine molecolare. In questa tesi l’EPR viene utilizzato per analizzare l’ordine orientazionale in due polimeri rappresentativi di questa classe, mostrando che un grado consistente di orientazione preferenziale è presente nei film ottenuti con due diverse tecniche di deposizione. Materiali fullerene-free per le celle solari polimeriche sono stati recentemente introdotti per superare alcuni degli svantaggi degli accettori fullerenici, come il limitato assorbimento della luce solare e la difficoltà nel regolare il bandgap e le proprietà elettroniche. In questo conteso, abbiamo studiato due blend costituiti da polimeri elettron-accettori e donatori al fine di investigarne le proprietà e di compararle a quelle dei convenzionali blend di polimeri donatori con derivati fullerenici, dimostrando che essi eliminano la ricombinazione di cariche a formare stati di tripletto, meccanismo noto come fonte di perdita di efficienza nei materiali contenti fullereni. Inoltre, i film polimerici mostrano un elevato grado di ordine orientazionale e un’efficiente interazione tra le fasi di donatore e di accettore che li rendono promettenti alternative ai blend di polimero e fullerene. Un nanoibrido composto da grafene ossido ridotto e molecole di trifenilammina legati covalentemente, è stato studiato come potenziale colorante per la titania in celle solari sensibilizzate a colorante, capace di migliorare la conducibilità e la stabilità del sistema. L’EPR ha mostrato che un efficiente trasferimento elettronico fotoindotto avviene tra l’ibrido e il semiconduttore, aprendo la strada all’applicazione di una nuova classe di coloranti. Infine, la fotoattività di un materiale supramolecolare, un gel composto da piccole molecole di donatore e accettore che autoassemblano, è stata studiata. In questo caso l’EPR ha permesso di verificare un efficiente trasporto di carica attraverso le strutture supramolecolari, suggerendo interessanti proprietà semiconduttive del materiale. I risultati di questa tesi dimostrano la rilevanza dell’EPR per l’indagine su aspetti funzionali e morfologici di materiali fotovoltaici e forniscono una caratterizzazione della fotofisica di nuovi sistemi che potrebbero essere ulteriormente esplorati per apportare progressi sostanziali nel campo del fotovoltaico organico e ibrido.
EPR, organic photovoltaics, TR-EPR, conjugated polymers, molecular order, bulk-heterojunction solar cells, dye-sensitized solar cells
Photophysical processes and molecular ordering in organic materials for third generation photovoltaics studied by EPR spectroscopy / Guarracino, Paola. - (2018 Nov 30).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Tesi_Guarracino.pdf

accesso aperto

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Non specificato
Dimensione 5.25 MB
Formato Adobe PDF
5.25 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/3424935
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact