Over the years, many cybersecurity breaches have been attributed to human error, considering human factors as one of the weakest links in the security chain. In fact, human factors are exploited by cybercriminals, causing significant losses of money and reputation to organizations. According to Verizon's 2021 Data Breach Investigations, 85% of breaches involved a human element, while 61% involved stolen or compromised credentials, causing an average breach cost of more than $3 million. To prevent cyberattacks, organizations focus on training employees and developing new policies, while also trying to maintain a balance between the complexity of security systems and their usability. However, the unpredictability of human behavior, the fast evolution of the digital world, and the increasing availability of technological resources for cybercriminals pose new and evolving cybersecurity challenges in anticipating both cyber threats in new environments and the rise of new threats in systems considered secure to date. On the other hand, the complexity and uniqueness of human behavior give new opportunities for designing new solutions to mitigate threats, improving the security of organizations and users. In this thesis, we investigate human interactions and cybersecurity, focusing on two main aspects: (i) developing new attacks, based on human interaction, against existing and consolidated authentication methods (i.e., PIN pads), and (ii) proposing new methods leveraging human behavior in multiple contexts to enhance the security of users and organizations. The first part of this thesis demonstrates the effectiveness of three attacks against the security of PIN-based authentication systems, focusing on Automated Teller Machines (ATMs) PIN pads. ATMs have become an indispensable part of the banking ecosystem such that according to the European Central Bank, in 2019 only in Europe, more than 11 billion withdrawal and deposit transactions were made. In particular, we show how ATM PIN pads are exposed to security threats related to human factors even if users have policy-compliant behaviors. We analyze different attack scenarios depending on the sources of information available to the attacker (e.g., video, audio, thermal, typing style). The results show that in the worst-case scenario for the victim, our attacks can reconstruct up to 94% of the 5-digit PINs typed within three attempts. In the second part of this thesis, we show how the variability and unpredictability of human behavior can be exploited to increase the security of systems and users. We develop new human-based approaches focusing on three different contexts: (i) new methods for bot detection in social networks (i.e., Twitter) relying on the stylistic consistency of posts over time, (ii) a new framework for identifying fake and genuine expressions from videos, and (iii) a new de-authentication method based on the detection of physically blurred faces. Results demonstrate the efficacy of the proposed approaches, achieving an F1-score up to 98% in human-bot detection, an accuracy up to 90% in fake sadness detection, and accuracy in de-authenticating users up to 100% under 3 seconds of grace period. This thesis highlights the need for more effort in designing security solutions that focus on human factors, showing the direction for further investigation in analyzing human interactions in cybersecurity.

Nel corso degli anni, molte violazioni della sicurezza informatica sono state attribuite all'errore umano, considerando i fattori umani come uno degli anelli più deboli della catena della sicurezza. Nella pratica, i fattori umani vengono sfruttati dai criminali informatici, causando significative perdite di denaro e di reputazione alle organizzazioni. Secondo il Data Breach Investigations report 2021 di Verizon, l'85% delle violazioni ha coinvolto un elemento umano, mentre il 61% ha coinvolto credenziali rubate o compromesse, causando un costo medio di violazione di più di 3 milioni di dollari. Per prevenire i cyberattacchi, le organizzazioni si concentrano sulla formazione dei dipendenti e sullo sviluppo di nuove policy, cercando anche di mantenere un equilibrio tra la complessità dei sistemi di sicurezza e la loro usabilità. Tuttavia, l'imprevedibilità del comportamento umano, la rapida evoluzione del mondo digitale e la crescente disponibilità di risorse tecnologiche per i criminali informatici pongono nuove sfide sia nell'anticipare le minacce informatiche in nuovi ambienti, sia per l’insorgere di nuove minacce nei sistemi considerati sicuri fino ad oggi. D'altra parte, la complessità e l'unicità del comportamento umano aprono possibilità per la progettazione di nuove soluzioni per mitigare le minacce, migliorando la sicurezza delle organizzazioni e degli utenti. In questa tesi, indaghiamo le interazioni umane e la sicurezza informatica, concentrandoci su due aspetti principali: (i) lo sviluppo di nuovi attacchi, basati sull'interazione umana, contro metodi di autenticazione esistenti e consolidati (PIN pad), e (ii) la proposta di nuovi metodi che sfruttano il comportamento umano in diversi contesti per migliorare la sicurezza degli utenti e delle organizzazioni. La prima parte di questa tesi, dimostra l'efficacia di tre attacchi contro la sicurezza dei sistemi di autenticazione basati sul PIN, concentrandosi sui PIN pad degli Automated Teller Machines (ATM). Gli ATM sono diventati una parte indispensabile dell'ecosistema bancario tanto che, secondo la Banca Centrale Europea, nel 2019 solo in Europa sono state effettuate più di 11 miliardi di operazioni di prelievo e deposito. In particolare, mostriamo come i PIN pad degli ATM siano esposti a minacce di sicurezza legate a fattori umani anche se gli utenti hanno comportamenti conformi alle policy. Analizziamo diversi scenari di attacco a seconda delle fonti di informazione disponibili per l'attaccante (ad esempio, video, audio, termico, stile di digitazione). I risultati mostrano che nello scenario peggiore per la vittima, i nostri attacchi possono ricostruire fino al 94% dei PIN a 5 cifre digitati entro tre tentativi. Nella seconda parte di questa tesi, mostriamo come la variabilità e l'imprevedibilità del comportamento umano possano essere sfruttate per aumentare la sicurezza dei sistemi e degli utenti. Sviluppiamo nuovi approcci human-based concentrandoci su tre diversi contesti: (i) nuovi metodi per il rilevamento dei bot nei social network (ad esempio, Twitter) basati sulla coerenza stilistica dei post nel tempo, (ii) un nuovo framework per identificare espressioni false e genuine dai video, e (iii) un nuovo metodo di de-autenticazione basato sul rilevamento di volti fisicamente sfocati. I risultati dimostrano l'efficacia degli approcci proposti, raggiungendo un F1-score fino al 98% nella classificazione dell'uomo-bot, un'accuratezza fino al 90% nell'individuazione della tristezza fasulla, e un'accuratezza nella de-autenticazione degli utenti fino al 100% sotto 3 secondi di periodo di grazia. Questa tesi evidenzia la necessità di maggiori sforzi nella progettazione di soluzioni di sicurezza che si concentrino sui fattori umani, mostrando la direzione per ulteriori indagini nell'analisi delle interazioni umane nella cybersecurity.

Interazioni Umane in Cybersecurity: Minacce e Opportunità / Cardaioli, Matteo. - (2022 Jun 28).

Interazioni Umane in Cybersecurity: Minacce e Opportunità

CARDAIOLI, MATTEO
2022

Abstract

Over the years, many cybersecurity breaches have been attributed to human error, considering human factors as one of the weakest links in the security chain. In fact, human factors are exploited by cybercriminals, causing significant losses of money and reputation to organizations. According to Verizon's 2021 Data Breach Investigations, 85% of breaches involved a human element, while 61% involved stolen or compromised credentials, causing an average breach cost of more than $3 million. To prevent cyberattacks, organizations focus on training employees and developing new policies, while also trying to maintain a balance between the complexity of security systems and their usability. However, the unpredictability of human behavior, the fast evolution of the digital world, and the increasing availability of technological resources for cybercriminals pose new and evolving cybersecurity challenges in anticipating both cyber threats in new environments and the rise of new threats in systems considered secure to date. On the other hand, the complexity and uniqueness of human behavior give new opportunities for designing new solutions to mitigate threats, improving the security of organizations and users. In this thesis, we investigate human interactions and cybersecurity, focusing on two main aspects: (i) developing new attacks, based on human interaction, against existing and consolidated authentication methods (i.e., PIN pads), and (ii) proposing new methods leveraging human behavior in multiple contexts to enhance the security of users and organizations. The first part of this thesis demonstrates the effectiveness of three attacks against the security of PIN-based authentication systems, focusing on Automated Teller Machines (ATMs) PIN pads. ATMs have become an indispensable part of the banking ecosystem such that according to the European Central Bank, in 2019 only in Europe, more than 11 billion withdrawal and deposit transactions were made. In particular, we show how ATM PIN pads are exposed to security threats related to human factors even if users have policy-compliant behaviors. We analyze different attack scenarios depending on the sources of information available to the attacker (e.g., video, audio, thermal, typing style). The results show that in the worst-case scenario for the victim, our attacks can reconstruct up to 94% of the 5-digit PINs typed within three attempts. In the second part of this thesis, we show how the variability and unpredictability of human behavior can be exploited to increase the security of systems and users. We develop new human-based approaches focusing on three different contexts: (i) new methods for bot detection in social networks (i.e., Twitter) relying on the stylistic consistency of posts over time, (ii) a new framework for identifying fake and genuine expressions from videos, and (iii) a new de-authentication method based on the detection of physically blurred faces. Results demonstrate the efficacy of the proposed approaches, achieving an F1-score up to 98% in human-bot detection, an accuracy up to 90% in fake sadness detection, and accuracy in de-authenticating users up to 100% under 3 seconds of grace period. This thesis highlights the need for more effort in designing security solutions that focus on human factors, showing the direction for further investigation in analyzing human interactions in cybersecurity.
Human Interactions in Cybersecurity: Threats and Opportunities
28-giu-2022
Nel corso degli anni, molte violazioni della sicurezza informatica sono state attribuite all'errore umano, considerando i fattori umani come uno degli anelli più deboli della catena della sicurezza. Nella pratica, i fattori umani vengono sfruttati dai criminali informatici, causando significative perdite di denaro e di reputazione alle organizzazioni. Secondo il Data Breach Investigations report 2021 di Verizon, l'85% delle violazioni ha coinvolto un elemento umano, mentre il 61% ha coinvolto credenziali rubate o compromesse, causando un costo medio di violazione di più di 3 milioni di dollari. Per prevenire i cyberattacchi, le organizzazioni si concentrano sulla formazione dei dipendenti e sullo sviluppo di nuove policy, cercando anche di mantenere un equilibrio tra la complessità dei sistemi di sicurezza e la loro usabilità. Tuttavia, l'imprevedibilità del comportamento umano, la rapida evoluzione del mondo digitale e la crescente disponibilità di risorse tecnologiche per i criminali informatici pongono nuove sfide sia nell'anticipare le minacce informatiche in nuovi ambienti, sia per l’insorgere di nuove minacce nei sistemi considerati sicuri fino ad oggi. D'altra parte, la complessità e l'unicità del comportamento umano aprono possibilità per la progettazione di nuove soluzioni per mitigare le minacce, migliorando la sicurezza delle organizzazioni e degli utenti. In questa tesi, indaghiamo le interazioni umane e la sicurezza informatica, concentrandoci su due aspetti principali: (i) lo sviluppo di nuovi attacchi, basati sull'interazione umana, contro metodi di autenticazione esistenti e consolidati (PIN pad), e (ii) la proposta di nuovi metodi che sfruttano il comportamento umano in diversi contesti per migliorare la sicurezza degli utenti e delle organizzazioni. La prima parte di questa tesi, dimostra l'efficacia di tre attacchi contro la sicurezza dei sistemi di autenticazione basati sul PIN, concentrandosi sui PIN pad degli Automated Teller Machines (ATM). Gli ATM sono diventati una parte indispensabile dell'ecosistema bancario tanto che, secondo la Banca Centrale Europea, nel 2019 solo in Europa sono state effettuate più di 11 miliardi di operazioni di prelievo e deposito. In particolare, mostriamo come i PIN pad degli ATM siano esposti a minacce di sicurezza legate a fattori umani anche se gli utenti hanno comportamenti conformi alle policy. Analizziamo diversi scenari di attacco a seconda delle fonti di informazione disponibili per l'attaccante (ad esempio, video, audio, termico, stile di digitazione). I risultati mostrano che nello scenario peggiore per la vittima, i nostri attacchi possono ricostruire fino al 94% dei PIN a 5 cifre digitati entro tre tentativi. Nella seconda parte di questa tesi, mostriamo come la variabilità e l'imprevedibilità del comportamento umano possano essere sfruttate per aumentare la sicurezza dei sistemi e degli utenti. Sviluppiamo nuovi approcci human-based concentrandoci su tre diversi contesti: (i) nuovi metodi per il rilevamento dei bot nei social network (ad esempio, Twitter) basati sulla coerenza stilistica dei post nel tempo, (ii) un nuovo framework per identificare espressioni false e genuine dai video, e (iii) un nuovo metodo di de-autenticazione basato sul rilevamento di volti fisicamente sfocati. I risultati dimostrano l'efficacia degli approcci proposti, raggiungendo un F1-score fino al 98% nella classificazione dell'uomo-bot, un'accuratezza fino al 90% nell'individuazione della tristezza fasulla, e un'accuratezza nella de-autenticazione degli utenti fino al 100% sotto 3 secondi di periodo di grazia. Questa tesi evidenzia la necessità di maggiori sforzi nella progettazione di soluzioni di sicurezza che si concentrino sui fattori umani, mostrando la direzione per ulteriori indagini nell'analisi delle interazioni umane nella cybersecurity.
Interazioni Umane in Cybersecurity: Minacce e Opportunità / Cardaioli, Matteo. - (2022 Jun 28).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Matteo Cardaioli PhD Thesis.pdf

accesso aperto

Descrizione: tesi_Matteo_Cardaioli
Tipologia: Tesi di dottorato
Dimensione 25.62 MB
Formato Adobe PDF
25.62 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/3454618
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact