Tra economia e pedagogia: il lavoro in Pestalozzi