DEFICIT OLFATTIVI IN SOGGETTI DOWN: RAPPORTI CON IL MORBO DI ALZHEIMER