Asimmetria e deviazione nella prosa letteraria: il «Principe» di Machiavelli e la tradizione cinque e seicentesca