Al "cuore" dell'esperienza preocessuale che guarda alla pena: la critica e la ragione