Sulle implicazioni pratiche del domandare