Sullo "status" cristiano della filosofia medievale