Pratica medica, ontologia e logica. A proposito di una proposta di Ivan Cavicchi