Sulla ripartizione ottimale della numerosità tra esposti e non esposti in indagini prospettive e tra casi e controlli in indagini retrospettive per lo studio del rischio relativo di malattia