La questione dei «criminali di guerra» italiani e una Commissione di inchiesta dimenticata