La memoria del fascismo e il "demone dell'analogia"