Il "codice" di Hammurabi: promulgazione di norme o celebrazione del buon regno?