Il trattamento medico/chirurgico arbitrario tra 'lettera' della legge e 'dimensione ermeneutica' del fatto tipico