La memoria della guerra e il mito del «bravo italiano»: origine e affermazione di un autoritratto collettivo