Nuove frontiere della poesia: su "Elleboro"