Un “Diatessaron” in terzine dantesche di fine Trecento