Dal surrealismo, attraversando il trockismo, fino all'underground e ai fratelli invalidi: la straordinaria parabola creativa di Egon Bondy