Il saggio prende in esame i principali testi di poetica di Joanna Baillie, rintracciando le invarianti - nel tempo - della sua pronuncia teatrale. In particolare, oltre a mettere a fuoco i principi chiave della concezione drammaturgica dell'autrice, ne viene indagato il rapporto con la messinscena, che, in virtù di un'indiscutibile urgenza pedagogica, è caratterizzato da un'inconsueta disponibilità nei confronti delle esigenze d'allestimento.

Joanna Baillie: il teatro della passione

DEGLI ESPOSTI, PAOLA
2008

Abstract

Il saggio prende in esame i principali testi di poetica di Joanna Baillie, rintracciando le invarianti - nel tempo - della sua pronuncia teatrale. In particolare, oltre a mettere a fuoco i principi chiave della concezione drammaturgica dell'autrice, ne viene indagato il rapporto con la messinscena, che, in virtù di un'indiscutibile urgenza pedagogica, è caratterizzato da un'inconsueta disponibilità nei confronti delle esigenze d'allestimento.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/2266087
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact