Landolfi e la tradizione del viaggio immaginario