Lettura di due prose liriche reboriane: "Stralcio" e "Perdono?"