Lingua, confessione, cultura: il caso ruteno del Seicento