La "guarigione psicoanalitica" da Freud ai giorni nostri