Quando la prossimità geografica conta ancora: il caso Solari di Udine