Quando la campagna superò la città