"Caro Fromentin libico...": il rapporto con Giuseppe Marchiori e gli inizi di Pallucchini contemporaneista