OBIETTIVI: Il quartiere Borsea, zona sud-est di Rovigo, si estende per circa 3 Km² su un territorio pianeggiante e conta una popolazione di 3.000 abitanti circa. L’area residenziale sorge a sud-ovest dell’area industriale e, in relazione ai venti dominanti, è esposta alle immissioni dei vari inquinanti prodotti. Considerato l’aumento della percezione del rischio nella comunità, è stato condotto uno studio epidemiologico osservazionale con lo scopo di individuare la presenza di una maggiore frequenza di eventi sanitari acuti e cronici nell’area interessata. MATERIALI: Si è ricorsi ad un sistema di raccordo tra i diversi archivi elettronici disponibili, definito Sistema Epidemiologico Integrato ( S.E.I ) ed incrociando i dati sanitari con la topografia è stato possibile ottenere la descrizione della distribuzione degli eventi sanitari a livello di aree subcomunali. È stato utilizzato il metodo della standardizzazione indiretta considerando come popolazione standard quella dell’intera Azienda ULSS di Rovigo. RIASSUNTO: Complessivamente sono stati identificati 74 casi di asma contro i 73.1 attesi con un RS pari a 1.01: nelle femmine i casi osservatisono stati inferiori agli attesi, il contrario si è osservato nei maschi ma in entrambe i sessi non si è raggiunta la significatività . I casi di BPCO osservati sono stati 25 rispetto ai 22.1 attesi (RS pari a 1.13) con un aumento dei casi esclusivamente per il sesso maschile che ha raggiunto livelli di significatività (RS 1.83). Le malattie polmonari hanno presentato una numerosità assoluta pari a 184 casi osservati rispetto ai 177 attesi (RS 1.04) con un aumento dei casi osservati rispetto agli attesi esclusivamente per il sesso maschile (RS 1.12) senza però aver raggiunto livelli di significatività. CONCLUSIONI: Lo studio sostanzialmente ha evidenziato: - l’assenza di un maggior carico di patologia polmonare rispetto alla rimanente area aziendale, - un aumento del rischio significativo nella popolazione maschile concernente la BPCO, suggerendo un potenziale rischio lavorativo, - andamenti temporali simili nella popolazione di Borsea e in quella dei comuni limitrofi supportati anche dai livelli di PM registrati dalle centraline di rilevazione ARPAV, dislocate nell’area di interesse, che fanno pensare ad un inquinamento diffuso e non localizzato.

Stima degli effetti dell’inquinamentoatmosferico sulla salute nel quartiere diBorsea a Rovigo nell’anno 2008

COCCHIO, SILVIA;SIMONATO, LORENZO;Furlan P;BALDOVIN, TATJANA;BALDO, VINCENZO
2010

Abstract

OBIETTIVI: Il quartiere Borsea, zona sud-est di Rovigo, si estende per circa 3 Km² su un territorio pianeggiante e conta una popolazione di 3.000 abitanti circa. L’area residenziale sorge a sud-ovest dell’area industriale e, in relazione ai venti dominanti, è esposta alle immissioni dei vari inquinanti prodotti. Considerato l’aumento della percezione del rischio nella comunità, è stato condotto uno studio epidemiologico osservazionale con lo scopo di individuare la presenza di una maggiore frequenza di eventi sanitari acuti e cronici nell’area interessata. MATERIALI: Si è ricorsi ad un sistema di raccordo tra i diversi archivi elettronici disponibili, definito Sistema Epidemiologico Integrato ( S.E.I ) ed incrociando i dati sanitari con la topografia è stato possibile ottenere la descrizione della distribuzione degli eventi sanitari a livello di aree subcomunali. È stato utilizzato il metodo della standardizzazione indiretta considerando come popolazione standard quella dell’intera Azienda ULSS di Rovigo. RIASSUNTO: Complessivamente sono stati identificati 74 casi di asma contro i 73.1 attesi con un RS pari a 1.01: nelle femmine i casi osservatisono stati inferiori agli attesi, il contrario si è osservato nei maschi ma in entrambe i sessi non si è raggiunta la significatività . I casi di BPCO osservati sono stati 25 rispetto ai 22.1 attesi (RS pari a 1.13) con un aumento dei casi esclusivamente per il sesso maschile che ha raggiunto livelli di significatività (RS 1.83). Le malattie polmonari hanno presentato una numerosità assoluta pari a 184 casi osservati rispetto ai 177 attesi (RS 1.04) con un aumento dei casi osservati rispetto agli attesi esclusivamente per il sesso maschile (RS 1.12) senza però aver raggiunto livelli di significatività. CONCLUSIONI: Lo studio sostanzialmente ha evidenziato: - l’assenza di un maggior carico di patologia polmonare rispetto alla rimanente area aziendale, - un aumento del rischio significativo nella popolazione maschile concernente la BPCO, suggerendo un potenziale rischio lavorativo, - andamenti temporali simili nella popolazione di Borsea e in quella dei comuni limitrofi supportati anche dai livelli di PM registrati dalle centraline di rilevazione ARPAV, dislocate nell’area di interesse, che fanno pensare ad un inquinamento diffuso e non localizzato.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11577/2521000
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact