Per una rilettura di Pasolini: una proposta