«Oltre i confini del natural dolore...»: retorica tragica ed esperienza-limite nella «Mirra»