Attraverso l'inesistenza: Fortini e Pasolini