Guido Guglielmi: temporalità del testo e aporie del moderno