Ispirato ai metodi dell’antropologia del testo medievale, il presente lavoro isola e censisce le sopravvivenze di credenze e pratiche rinvianti allo sciamanismo nel “Chevalier au lion” di Chrétien de Troyes. I nuclei narrativi e i motivi di struttura estatica presenti nell’opera, per lo più inscrivibili entro il grande plot del viaggio oltremondano, non sono soltanto inquadrati nel loro sfondo etnologico, ma vengono studiati nelle motivazioni ideologiche e nelle poste in gioco culturali di cui si caricano nel prodotto letterario d’arrivo.

Yvain cavaliere-sciamano: elementi estatici e riti d'iniziazione nel "Chevalier au lion"

BARBIERI, ALVARO
2013

Abstract

Ispirato ai metodi dell’antropologia del testo medievale, il presente lavoro isola e censisce le sopravvivenze di credenze e pratiche rinvianti allo sciamanismo nel “Chevalier au lion” di Chrétien de Troyes. I nuclei narrativi e i motivi di struttura estatica presenti nell’opera, per lo più inscrivibili entro il grande plot del viaggio oltremondano, non sono soltanto inquadrati nel loro sfondo etnologico, ma vengono studiati nelle motivazioni ideologiche e nelle poste in gioco culturali di cui si caricano nel prodotto letterario d’arrivo.
2013
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/2668436
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact