L’articolo è dedicato ai monumenti funebri di Ubertino († 1345) e Jacopo II († 1350) da Carrara. Già allestiti nella cappella maggiore della chiesa di Sant’Agostino a Padova, essi furono ricollocati nella chiesa degli Eremitani all’inizio del XIX secolo a seguito della distruzione della loro sede d’origine. I due monumenti sono qui analizzati dal punto di vista stilistico, tipologico e funzionale. Sono inoltre ridiscussi entro il corpus di Andriolo de’ Santi, scultore veneziano autore delle due arche, e nel contesto della propaganda figurativa dei signori di Padova.

Le arche di Ubertino e Jacopo II da Carrara nel percorso stilistico di Andriolo de' Santi

MURAT, ZULEIKA
2013

Abstract

L’articolo è dedicato ai monumenti funebri di Ubertino († 1345) e Jacopo II († 1350) da Carrara. Già allestiti nella cappella maggiore della chiesa di Sant’Agostino a Padova, essi furono ricollocati nella chiesa degli Eremitani all’inizio del XIX secolo a seguito della distruzione della loro sede d’origine. I due monumenti sono qui analizzati dal punto di vista stilistico, tipologico e funzionale. Sono inoltre ridiscussi entro il corpus di Andriolo de’ Santi, scultore veneziano autore delle due arche, e nel contesto della propaganda figurativa dei signori di Padova.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11577/2814281
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact