Tra Diderot e Poe: creare il sorprendente per mezzo del calcolato