Simone Forti tra 1968 e 1979: uno stato di “enchantment”