Quegli anni Settanta: un terrorismo «inutile»?