Nell’ordinamento sportivo, il vincolo della giurisdizione domestica impedisce di fatto di attivare un processo estraneo alla giustizia endoassociativa con la contestuale minaccia di sanzioni disciplinari molto gravi, come la radiazione che, per gli atleti, comporta l’illegittima menomazione del diritto fondamentale all’attività agonistica e la conseguente impossibilità di proseguirla a tempo indeterminato.

Critica del vincolo di giustizia sportiva

MORO, PAOLO
2005

Abstract

Nell’ordinamento sportivo, il vincolo della giurisdizione domestica impedisce di fatto di attivare un processo estraneo alla giustizia endoassociativa con la contestuale minaccia di sanzioni disciplinari molto gravi, come la radiazione che, per gli atleti, comporta l’illegittima menomazione del diritto fondamentale all’attività agonistica e la conseguente impossibilità di proseguirla a tempo indeterminato.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11577/3160825
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact