Il discorso di commiato del “più prolifico studioso di argomentazione al mondo”