Tito Vignoli ed Ernst Haeckel. Dal carteggio di un direttore dimenticato