Il saggio analizza le caratteristiche e l'efficacia delle politiche e delle pratiche censorie sulla scena teatrale britannica in epoca Romantica. In particolare si evidenzia come l'intreccio con il monopolio teatrale, determinato dalla particolare formulazione del provvedimento legislativo che istituisce l'ufficio centrale censorio, il Licensing Act, condizioni l'efficacia della censura ad inizio Ottocento, lasciando ampio margine di libertà ai cosiddettti "teatri minori", obbligati per legge a allestire esclusivamente spettacoli a fondamento mimico-musicale.

Tra censura e monopolio: il controllo dell’attività spettacolare nel Romanticismo inglese

Paola Degli Esposti
2018

Abstract

Il saggio analizza le caratteristiche e l'efficacia delle politiche e delle pratiche censorie sulla scena teatrale britannica in epoca Romantica. In particolare si evidenzia come l'intreccio con il monopolio teatrale, determinato dalla particolare formulazione del provvedimento legislativo che istituisce l'ufficio centrale censorio, il Licensing Act, condizioni l'efficacia della censura ad inizio Ottocento, lasciando ampio margine di libertà ai cosiddettti "teatri minori", obbligati per legge a allestire esclusivamente spettacoli a fondamento mimico-musicale.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Romanticismi.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo
Tipologia: Published (publisher's version)
Licenza: Accesso gratuito
Dimensione 846.55 kB
Formato Adobe PDF
846.55 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11577/3283242
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact