E i filosofi contemporanei ripartono da san Paolo