Cibo e rifugiati nella città capitolina, tra pratiche di emergenza e tentativi di agentività