Natura e normalità, ovvero il #MeToo ai tempi dei trogloditi fieri di esserlo