«Madre e maestra delle altre materie»: la filologia classica come scienza e metodo