Il saggio analizza le condizioni di ingaggio degli attori inglesi ottocenteschi, i loro salari e le istituzioni che sostengono economicamente gli attori, inclusi gli istituti previdenziali. Vengono messe in rilievo le retribuzioni e le ingenti spese che gli artisti della scena devono affrontare, in un quadro di precarietà nel quale i salari risultano spesso irregolari e incerti anche in virtù de rapporti di forza all'interno della compagni che vedono gli interpreti, per lo più soggetti allo strapotere dell'impresario. Si prendono in considerazione anche gli strumenti che gli attori adottano per cercare di compensare l'incertezza economica, in particolare l'istituto della beneficiata, rappresentazione in cui i proventi almeno in parte vanno agli attori. Viene inoltre analizzata la funzione degli istituti previdenziali e assistenziali a favore degli attori, i meccanismi di compensazione da questi praticati e in particolare il progresso marcato dalla creazione, negli anni Trenta, del General Theatrical Fund, fondo assistenziale che mira a tutelare il numero massimo possibile di professionisti della recitazione, a prescindere dal rango, dall'età e dalla compagnia in cui sono ingaggiati.

Acrobati sul filo dell’esistenza: l’attore britannico tra ingaggi, retribuzioni e istituzioni previdenziali (1800-1870)

Paola Degli Esposti
2020

Abstract

Il saggio analizza le condizioni di ingaggio degli attori inglesi ottocenteschi, i loro salari e le istituzioni che sostengono economicamente gli attori, inclusi gli istituti previdenziali. Vengono messe in rilievo le retribuzioni e le ingenti spese che gli artisti della scena devono affrontare, in un quadro di precarietà nel quale i salari risultano spesso irregolari e incerti anche in virtù de rapporti di forza all'interno della compagni che vedono gli interpreti, per lo più soggetti allo strapotere dell'impresario. Si prendono in considerazione anche gli strumenti che gli attori adottano per cercare di compensare l'incertezza economica, in particolare l'istituto della beneficiata, rappresentazione in cui i proventi almeno in parte vanno agli attori. Viene inoltre analizzata la funzione degli istituti previdenziali e assistenziali a favore degli attori, i meccanismi di compensazione da questi praticati e in particolare il progresso marcato dalla creazione, negli anni Trenta, del General Theatrical Fund, fondo assistenziale che mira a tutelare il numero massimo possibile di professionisti della recitazione, a prescindere dal rango, dall'età e dalla compagnia in cui sono ingaggiati.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Acrobati sul filo dell'esistenza pubblicato con frontespizio.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Published (publisher's version)
Licenza: Accesso libero
Dimensione 702.93 kB
Formato Adobe PDF
702.93 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11577/3325838
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact